Newsletter

Registrati Il mio account

Logout

Abbiamo sognato con il Royal Wedding?

Trend03/06/2018

Ecco cosa non mettere mai quando si è invitate a un matrimonio!

“Non sono bella ma quello che so fare è vestirmi meglio di chiunque altro”. Così parlava Wallis Simpson, la donna per cui il Duca di Windsor, ex re del Regno Unito Edoardo VIII, abdicò. Anche lei americana, anche lei divorziata. Come Meghan Markle, che il Principe Harry, secondogenito di Carlo e Diana Spencer, ha impalmato il 21 maggio nella cappella di St. George a Londra.  A presenziare, oltre ai circa 2.640 rappresentanti della ‘gente comune’, scelti dai due futuri sposi per assistere alle nozze nel cortile del castello, hanno preso posto in chiesa il fratello di Lady Diana, Charles Spencer, la regina dei talk show americani Oprah Winfrey, l’attore britannico Idris Elba, Chelsy Davy, ex storica fidanzata di Harry, David e Victoria Beckham, George Clooney e la moglie Amal. E allora approfittiamone per un’occhiatina al galateo e per ripassare cosa non va mai indossato a un matrimonio!

In primis, mai un abito bianco, né avorio, né beige. La tonalità è prerogativa della sposa. Fra i colori banditi, il rosso, perché troppo vistoso (non siete voi le protagoniste della festa), né viola (porta sfortuna) né nero (è funereo). Inoltre, mai un abito lungo a meno che il matrimonio non sia dopo le 18 e non preveda ricevimento serale. Il cappello: solo se lo porta anche la mamma della sposa! Niente scarpe con il plateau da discoteca, niente sneakers, niente jeans! Lo streetwear va bene ovunque ma in chiesa no. L’abito che sceglierete non dovrà essere provocante, ovvero troppo scollato, inguainante, con schiena nuda, trasparenze, spalline e lingerie in vista: siete in una Chiesa, non a una festa. Altresì, è buona norma non avere borse giganti, bensì pochettes e clutches, insomma borsettine da cerimonia. Shopper e secchielli vanno lasciati a casa! Inutile dire che shorts e infradito sono rigorosamente da evitare, insieme a zatteroni, zeppe e scarpe appariscenti. La parola d’ordine in questo caso è sobrietà e si accompagna a raffinatezza. 

Per le borsettine, perfette quelle di Claire’s.

Altre notizie

Top