Registrati Il mio account

Logout

Acido glicolico: cos’è e a cosa serve!

Trend30/04/2017

Una sostanza che è alla base del più importante trattamento di bellezza: pulire la pelle.

Sentiamo spesso parlare di peeling o trattamenti all’acido glicolico. Ma cos’è? Da dove viene? L’acido glicolico è un alfa idrossiacido dalle proprietà abrasive ed esfolianti che si ricava da alimenti naturali come barbabietola, canna da zucchero, uva non matura. Viene utilizzato in dermatologia e cosmesi proprio per queste proprietà: contrasta infatti acne, pelle grassa e seborroica, invecchiamento cutaneo, previene le macchie e riduce le cicatrici. Perché riesce a penetrare la barriera cutanea e ad entrare in profondità negli strati epidermici. In pratica, l’acido glicolico rimuove uno strato superficiale di pelle, consentendo alla cute sottostante di rigenerarsi. Riduce o elimina le righette e le zampe di gallina, migliora l’aspetto stanco e affaticato. Nel caso di macchie scure, rimuovendo lo strato superficiale della pelle esse si riducono di intensità. Anche le patologie che provocano inspessimento della cute e secchezza della pelle, come la psoriasi, trovano giovamento. Così come la seborrea, ovvero l’eccesso di grasso da parte delle ghiandole sebacee, che caratterizza le pelli grasse in generale. Va usato con cautela e, qualora ci si sottoponga a peeling, bisogna rivolgersi a una estetista di fiducia. Nei prodotti cosmetici a base di acido glicolico la concentrazione è di solito dal 3 al 10%. In questo caso esercita un’azione esfoliante lieve e serve a purificare quotidianamente la pelle e sicuramente a ritardare l’invecchiamento.

Trovate un’ottima gamma all’acido glicolico presso Erboristerie d’Italia.

Da Redazione

Altre notizie

Top