Come fare una bella foto?

Tempo libero15/06/2019

Ecco la Regola dei terzi!

Ci capita talvolta di incantarci davanti a una foto per il suo equilibrio perfetto. Non è sempre il soggetto, la matrice trainante: è l’inquadratura su più piani. Nella fotografia esistono diverse regole che, se applicate, permettono di destare nell’osservatore di una foto particolari reazioni. Una delle norme base della composizione in fotografia, una delle più citate, è la regola dei terzi. Si tratta di una regola molto semplice, che fa una differenza immediata nel risultato.

Per applicare la regola dei terzi è necessario dividere idealmente l’inquadratura in nove riquadri tracciando due linee verticali e due orizzontali equidistanti tra loro e dai bordi dell’immagine. A questo punto, i punti di interesse principali della foto vanno posizionati lungo le linee o, meglio ancora, in corrispondenza delle loro intersezioni.

Questa regola deriva dal fatto che, istintivamente, l’occhio umano si concentra sui punti identificati proprio dalle intersezioni delle righe. Fotografando un paesaggio, possiamo allineare l’orizzonte a una delle due linee orizzontali. In questo modo otterremo una foto composta da due terzi di cielo e un terzo di terra (o acqua, per intenderci), oppure una foto composta da un terzo di cielo e due terzi di terra. Stiamo quindi attenti a dare maggiore importanza a quello tra i due (cielo o terra) che è più interessante. Generalmente, quando scattiamo un ritratto, facciamo in modo che gli occhi del soggetto siano in corrispondenza di uno dei punti di intersezione.

Attenzione però perché la fotografia è un’arte! Quindi ci saranno dei casi in cui disattenderete la regola dei terzi, ponendo il soggetto al centro. Quando ne varrà la pena…

I suggerimenti sono tratti dal blog Fotocomefare.com

Potete far sviluppare le vostre foto più riuscite da Kodak Express.

Altre notizie

Top