Dormi dopo il suono della sveglia?

Casa24/02/2019

E’ sintomo di felicità e intelligenza, non di pigrizia

Vi verrà da sorridere, leggendo i risultati di un paio di studi recentemente pubblicati in merito al sonno e ai ritmi che imponiamo al nostro corpo. Ebbene, i ricercatori dell’università di Southhampton sono giunti a una conclusione precisa dopo aver vagliato le risposte e le abitudini 1229 volontari, tra uomini e donne: coloro che vanno a dormire dopo le 23:00 e faticano a svegliarsi prima delle 8 e a scattare in piedi appena la sveglia suona, sarebbero persone più creative, con uno stile di vita migliore e impieghi più appaganti! Quella tendenza a crogiolarsi un po’ sotto le coperte prima di buttarsi nella giornata, non sarebbe foriera di pigrizia e improduttività come ci hanno sempre spiegato, bensì sarebbe segnale di creatività e intelligenza. La risposta al lavoro di altre due ricercatrici, Satoshi Kanazawa e Kaja Perina, pubblicizzato dal quotidiano britannico The Indipendent: secondo loro,  il nostro organismo tenderebbe a seguire ancora oggi i ritmi dei nostri antenati, che andavano a dormire relativamente presto, rendendo così un anticipato risveglio del tutto naturale. Ritmi cui non ci saremmo ancora abituati, viste le stressanti abitudini e gli orari sfasati che imponiamo ormai al nostro corpo. Al contrario, seguire il nostro orologio naturale aiuterebbe a sviluppare al meglio ogni potenzialità: proprio per questo motivo le menti più creative farebbero fatica a svegliarsi. Anche il materasso dovrebbe essere adeguato alla nostra individualità. Ecco perché gli esperti di Tempur collaborano con un gruppo di riconosciuti specialisti del sonno, per proporre quattro differenti tipologie di materasso a seconda delle necessità fisiologiche. Il materiale all’interno dei materassi si conforma al peso e al calore del corpo, per offrire un supporto personalizzato.

Altre notizie

Top