Gli italiani scoprono le vacanze ad alto tasso emozionale

Trend16/05/2016

Va bene la spiaggia. Ma un bel trekking sulle Ande o nel Pacifico del Sud…

Per gli italiani la spiaggia è sempre una grande attrattiva. Ma sono sempre più numerosi coloro che decidono di sperimentare la cosiddetta vacanza active. Quella che privilegia l’esperienza alla destinazione. Non è necessario essere sportivi consumati, perché i pacchetti sono segmentati su diversi livelli di impegno. Uno dei percorsi più affascinanti, destinati a lasciare un segno indelebile nella vita di chi lo compie, è senza dubbio Machu Picchu, la città Inca abbarbicata sulle Ande. Si chiama Inca Trail ed è un itinerario spettacolare tra le vette andine con destinazione finale Machu Picchu, dove si arriva all’alba, in tempo per veder sorgere il sole dall’Inti Punku. Di solito i trekking durano qualche giorno, facendo raggiungere ai partecipanti l’altitudine massima di 5.200 metri, alla scoperta di bellezze naturalistiche e siti inca unici. Si è assistiti da una guida, mentre i portantini allestiscono i campi e preparano i pasti. Occorrono comunque un po’ di allenamento e spirito di adattamento, poiché si cammina tutto il giorno e si dorme in tenda, ad altitudini notevoli. Per chi soffrisse l’altitudine ma volesse comunque una meta ad alto tasso emozionale, suggeriamo le isole Cook e il trekking a Rarotonga, nel Pacifico del Sud. Un contatto autentico con la cultura locale si può avere abbandonando per un giorno le splendide spiagge e addentrandosi sulle alture dell’interno. Qui il trekking è più semplice e consente di visitare un villaggio tradizionale, lambendo i resti di antichi marae, cioè luoghi di culto sacrificali, e facendo tappa di capanna in capanna per conoscere storia e costumi dell’isola. Per attrezzarsi a dovere, basta fare un salto da Decathlon. Non possono mancare, in valigia, scarpe adeguate, borsa termica e piumino light in caso di maltempo.

Da Redazione

Altre notizie

Top