titleNewsletter.newsletter

I libri in arrivo nel 2018

Trend14/01/2018

Una serie di titoli in pole position: ve ne proponiamo tre!

Nuovo anno, nuovi libri! Vi suggeriamo tre fra i titoli di riferimento. Il primo è Il morso della reclusa di Fred Vargas. La trama è quella del classico poliziesco: il commissario Adamsberg, capo dei ventisette agenti dell'Anticrimine del tredicesimo arrondissement, viene in fretta richiamato in servizio dalle vacanze in seguito alla segnalazione di tre morti sospette in Languedoc Roussillon. A quanto pare tre anziani sono stati uccisi da una particolare specie di ragno velenoso, comunemente detto reclusa, il cui morso in soggetti particolari può scatenare infiammazioni anche letali. Nonostante nel Sud della Francia si diffonda la nevrosi, Adamsberg scopre che i vecchi si conoscevano da sempre. E che la Misericordia, l'orfanotrofio in cui gli anziani erano cresciuti, era stato il loro inferno. 

La casa delle spie di Daniel Silva tocca invece un tema di profonda attualità: la mente dell'Isis. L'inafferrabile Saladino, è ancora libero. Non solo, ha capito che Natalie è in realtà un agente infiltrato e lo ha tradito, ma non sa come. Gabriel Allon sta cercando di risolvere questo rompicapo quando i terroristi, quattro mesi dopo aver portato a termine il più sanguinoso attacco su suolo americano dall'11 settembre, seminano morte anche nel cuore di Londra. Qui, l’intreccio si dipana fra Jean Luc Martel e la sua compagna, Olivia Watson. Stella della moda inglese, la bellissima Olivia finge di ignorare che la vera fonte dell'immensa ricchezza di Martel è la droga. E lui, da parte sua, chiude un occhio sul fatto che il vero obiettivo dell'uomo con cui è in affari è la distruzione dell'Occidente. Eppure proprio loro potrebbero rivelarsi la chiave per arrivare finalmente all'inafferrabile Saladino e vincere la guerra globale contro il terrore.

Il terzo libro che vi proponiamo, Fiori sopra l'inferno, è di una esordiente già ritenuta la nuova promessa del giallo italiano. Si chiama Ilaria Tuti e il suo personaggio, Teresa Battaglia, è di quelli che entrano nelle viscere. “Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura», è l’incipit che prelude a una trama densa, veloce, sapiente. Che vi terrà inchiodati alle righe.

Altre notizie

Top
Top