Il vostro cane sa di che umore siete!

Pet30/03/2019

La scienza sta studiando la questione ma sembra sempre più evidente che…

…che i cani capiscano esattamente qual è il nostro stato d’animo. Un nuovo studio su Current Biology conferma che i cani, quando ci guardano, sono in grado di distinguere fra un’espressione felice e una arrabbiata.

Il biologo Corsin Müller della University of Veterinary Medicine di Vienna, in Austria, insieme ai suoi colleghi ha fatto dei test con undici cani (tra i quali c’erano un border collie, un fox terrier, un golden retriever, un pastore tedesco e alcuni meticci) usando un touchscreen. I ricercatori hanno addestrato i cani a toccare con la zampa i visi felici oppure quelli arrabbiati, in cambio di una piccola ricompensa. In tutte le immagini si poteva vedere solamente la parte superiore o quella inferiore del viso, perché gli scienziati volevano essere sicuri che i cani non stessero semplicemente rispondendo ai sorrisi o ai denti in evidenza. Si, perché Müller ha spiegato che le emozioni si percepiscono da vari punti del volto umano, non solo dalla bocca. Ad esempio, quando si è arrabbiati anche la  forma degli occhi cambia. Quindi la domanda è “i cani sono in grado di riconoscere distintamente le emozioni”? Müller e i colleghi hanno sottoposto ai cani fotografie di sconosciuti con volti felici o arrabbiati, mostrando loro la parte superiore dei volti, quella inferiore oppure la metà sinistra (scelta al posto della destra perché precedenti studi hanno mostrato che i cani la preferiscono).

I cani addestrati a scegliere le espressioni felici ci sono riusciti sia quando vedevano un volto per la prima volta sia quando ne vedevano parti differenti. Quelli che dovevano scegliere le espressioni arrabbiate hanno avuto lo stesso successo, mettendoci però più tempo per imparare a portare a termine il compito. Forse perché le emozioni negative sono associate a comportamenti poco gradevoli per i nostri amici a quattro zampe. I ricercatori non sanno ancora se la capacità canina di discriminare tra le due espressioni sia data da esperienze passate o sia il risultato del processo di domesticazione. Però la loro capacità di distinguere le emozioni è innegabile. D’accordo, anche Marc Bekoff, ecologo del comportamento della University of Colorado Boulder: anche secondo questo scienziato la connessione stabilita in migliaia di anni fra cani e persone porta a una capacità di comprensione notevole.

Per approfondire l’argomento vi suggeriamo un paio di libri: Psicologia canina. Come interpretare e correggere i problemi di comportamento, di William E. Campbell – L’intelligenza animale, di Emmanuelle Pouydebat.

Altre notizie

Top